lunedì 23 gennaio 2012

Riprendere a scrivere è una grande sofferenza

Pubblicato da Karen Broz a 19:59
 Ma sarebbe ancora peggio, se di pagine rimanessi senza


«È un equilibrio universale.
A coloro che non hanno il grande dono dell'esperienza, dell'intensa vita sociale e della piena felicità terrena, è concesso di ricordare i propri sogni, affinchè, seppur in maniera fittizia, possano arricchire il proprio bagaglio emotivo.
 Chi non ha il pane, che si sazi con il profumo del forno. »

Ho ripreso a scrivere ormai, da un paio di mesi. Sono molto indietro secondo un iniziale progetto, ma prima o poi ci arriverò.
Oggi mi sono spaventata, perchè in mezz'ora passata seduta davanti al mio quaderno cercando qualcosa da buttare giù, sono stata capace di scrivere solamente questo:


«È quel tuo stupido nome. Shakespeare si domandava cosa fosse un nome. "Una rosa, con un altro nome avrebbe lo stesso profumo˝. Anche tu con un altro nome puzzeresti della stessa merda che sei.»

È disturbante.

0 commenti:

Posta un commento

Di cosa parlo?

Mi segui per mail?

You don't speak italian?

Ads 468x60px

Letture 2013

  • Cloud Atlas7 gennaio-20 febbraio
  • Popular Posts

    Followers

    Featured Posts

     

    Faith Trust and Pixiedust Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos