venerdì 1 febbraio 2013

To love another person is to see the face of God

Pubblicato da Karen Broz a 00:01
Se avesse ragione chi sostiene che le nostre lacrime sono numerate, penso che le mie dovrebbero essere finite da un pezzo. Di solito non sono una frignona, non per quello che succede nella vita reale, almeno. Quando però si comincia a parlare di cinema, libri o serie tv, non c'è fazzoletto che si salvi dal mio costante lacrimìo (??). Non so, devo essere diventate insensibile alle emozioni vere e ipersensibile a quelle che mi appaiono sullo schermo o tra le righe. Ciò non toglie però, che chiunque e dico chiunque, dovesse venire da me a dirmi che non ha pianto guardando Les Misérables, lo reputerei un bugiardo senza vergogna. Che tu abbia letto il libro e possa forse essere un po' più preparato agli avvenimenti, non ti protegge dall'esplosione di emozioni che questo film ti schiaffa addosso. Quindi, bugiardi di tutto il mondo, radunatevi e seguite Javert, perchè non meritate altra fine se non la sua.

Detto ciò, passerei al film. Ho ancora mille emozioni in subbuglio e la maggior parte è per colpa di Anne Hathaway. Ne hanno parlato in tanti, ha avuto il Golden Globe e sicuramente si prenderà l'Oscar, ma vogliamo mettere il fatto che è presente praticamente solo nei primi venti minuti del film, ed è la cosa più bella di tutte le tre ore? I dreamed a dream è già meravigliosa di suo, ma l'interpretazione della Hathaway ha colto tutto il dolore e la sofferenza che sono descritti nel libro, e che nessun'altra ha saputo trasmettere. 


Come to me Cosette the light is fading, don't you see the evening star appearing?
Come to me and rest against my shoulder, how fast the minutes fly away and every minute colder.

Chiunque poi abbia avuto il coraggio di dire che Russel Crowe non è assolutamente adatto al ruolo di Javert, beh, ha bisogno di farsi un giro insieme ai bugiardi di cui sopra. È una scelta un po' strana, lo ammetto, non mi sarei mai aspettata di vederlo in un musical, ma anche lui ha dato prova di essere perfetto per la parte. È un Javert intimidatorio, con quell'occhio azzurrino che quasi salta fuori dalle orbite. Poi è un personaggio che ho imparato ad apprezzare solo ultimamente, non è un antagonista, come tanti pensano, è la controparte di Valjean. La sua rettitudine, il suo senso del dovere e della Law (che nelle sue canzoni non manca mai) sono ciò che lo definiscono. Ed è proprio questo senso di giustizia che lo porterà a prendere la sua ultima decisione, come vivere in un mondo dove agire secondo la legge è agire contro la morale?

I should have persished by his hand, it was his right. It was my right to die as well, instead I live but I live in hell

Elogiare Hugh Jackman è tempo perso. Ha un Tony Award e spero che sei becchi pure un Oscar. Guardatevi il film e capirete.

Sasha Baron Cohen ed Helena Bonham Carter sono immensi. Già "insieme" in Sweeney Todd, qui sono il culmine della bellezza. Grezzi, sciatti e furbi sono i miei Thénardier preferiti. Master of the House e The Thénardier Waltz sono stati gli unici momenti in cui ho potuto tirare un po' il fiato e dare agli occhi un po' di tregua. 


Éponine dovrebbe avere una parte più grande, dovrebbero sfruttarla di più. Fa una tenerezza incredibile, povera crista figlia di questi due magnaccia (Thénardier) insieme a Gavroche (altra piccola perla. Bimbo splendido), innamorata perdutamente di Marius che non se la fila proprio.
Mi dispiace abbiano tagliato la parte iniziale e centrale di A little fall of rain (andrebbe lapidato qualcuno per tutto ciò), ma la dolce 'Ponine rimarrà comunque tra i personaggi preferiti di tutti.

These are words he'll never say, not to me. 
His heart full of love..he will never feel this way.

Su Marius e Cosette non mi voglio soffermare molto. Li odio. Entrambi. Sono pessimi e si meritano a vicenda. Cosette è peggio però. È inutile. Proprio come personaggio, dico, non serve a nulla. Sta lì a sospirare e a cinguettare. C'è una rivoluzione in atto e lei pensa al suo Marius. Cosette mi piace solo quando è piccolina, maltrattata e presa in giro. Poi cresce nel lusso per colpa di Valjean e diventa un'oca. Marius poi, quasi manda a monte tutto per lei. Io lo capisco l'amore a prima vista e bla bla bla, ma sono veramente irritanti, dovrebbero morire loro invece che altri. Ma tsz, Hugo salva sempre i peggiori.

My name is Marius Pontmercy.
And mine's Cosette.
I'm Jean Valjean!!!!!!

Chiudo la carrellata di personaggi con Enjolras. Amore puro e vero per quest'uomo, così giusto e crudele allo stesso tempo. Il capo rivoluzionario, il Red dell'ABC, l'amore segreto di Grantaire.. no, non è vero. È un fandom che gira su Tumblr, e non nego che la carica emotiva tra quei due, soprattutto nella scena finale, si vede, e quindi, io li shippo.
Enjolras è l'anima della rivoluzione, è l'unico che ha le palle di dire a Marius che è un imbecille e che deve concentrarsi sul loro scopo invece che sulla cinguettina sconosciuta vista per strada. Siamo qui per combattere e liberarci dalla schiavitù, e tu no, ti perdi dietro le sottane della prima che passa.


In conclusione, questo film è un frullato di emozioni, belle, tristi, deprimenti, strazianti, divertenti. C'è di tutto, davvero. Io ho pianto un sacco, le interpretazioni, le musiche, sono un qualcosa di spettacolare. Consiglio a tutti quanti di andarlo a vedere, perchè perderlo, è perdere un pezzo di storia. I non amanti dei musical potrebbero fare una piccola eccezione, perchè veramente, questa è una perla rara. Ne ho viste di trasposizioni di opere teatrali, ma questa è la migliore di tutte. E io ringrazio God Above che ci siano persone che si interessano a produrre questi film, per noi poveri emarginati italiani che non possiamo vedere le versioni teatrali. Il prossimo anno uscirà pure Wicked, ma per ora continuo a cantare le canzoni de Les Misérables.

Do you hear the distant drums?

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Acquiring Astral Projection Having Binaural Sounds And Isochronic Shades and tones

my web-site euro casino

Anonimo ha detto...

Personalized Unique Contemporary Quartz Two bottle Trough Toilet Lavatories and even Sinks

Look into my weblog ... video to mp3

Anonimo ha detto...

Departmental stores in Hyderabad- One of the best source for your shopping fanatic to possess unlimited pleasurable

my page: affectionate - -

Posta un commento

Di cosa parlo?

Mi segui per mail?

You don't speak italian?

Ads 468x60px

Letture 2013

  • Cloud Atlas7 gennaio-20 febbraio
  • Popular Posts

    Followers

    Featured Posts

     

    Faith Trust and Pixiedust Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos