domenica 7 ottobre 2012

666 Park Avenue pfffff

Pubblicato da Karen Broz a 22:39


Altra new entry per l'autunno 2012! 666 PARK AVENUE (sì lo so, stasera mandano il secondo episodio e io come sempre sono indietro di una settimana).

Ho deciso per le nuove serie di quest'anno di continuare ad utilizzare il metodo pro/contro, per comodità e soprattutto per non perdermi sbrodolando giudizi a caso senza un senso logico.

PRO

Sarà sempre Locke
-TERRY O'QUINN. Che la gente dica quello che vuole, ma l'ambiguità di quest'uomo è sovrannaturale. Dai primi minuti del pilot già sappiamo di chi si tratta, vero, ma la sua capacità di mantenere il controllo in ogni situazione, di dare le impressioni che vuole a chi vuole, questo è quello che io definisco un attore. Inoltre io amavo John Locke, e da uomo di fede qui si trasforma in demonio. Parallelismi che io vedo forzatamente, forse per il troppo amore che nutro per Lost.

-LOCATION. Il Drake è figo. Un condominio di gente normale (o no) che apparentemente vive lì potendosi pagare l'affitto (perchè giustamente una fotografa che è appena stata assunta da vogue e suo marito scrittore fallito possono permettersi un appartamento in questo palazzo di lusso nell'upper east side). Ma per ora sappiamo poco di tutti i personaggi (di cui comunque parlerò dopo)

-MISTERY/HORROR. Ecco questo non so come definirlo. Nel senso, di misteri ha poco e un cavolo perché, ripeto, si sa già dove va a parare il tutto ( o forse no?), e di horror manco a parlarne, l'unica cosa pseudo angosciante è la rivolta dell'ascensore, che però, avendone paura già di mio, sono troppo di parte per commentare. In ogni caso, le varie atmosfere mi piacciono, per quanto indefinite, ma vorrei vedere poi qualcosa di più, vorrei si spingessero un po' più oltre.

-LOST SON. Nella scena a teatro, l'orchestra suona "Figlio Perduto" di Beethoven. Io amo ogni film o serie che lo inserisca, mi dà l'idea di uno sceneggiatore colto.

CONTRO


-QUESTI DUE IDIOTI. Allora. Io non so che problemi abbiano i direttori dei vari casting in questo periodo. Devono aver fatto le loro scelte in base al metodo dell'agente Cooper di Twin Peaks, tirando sassi. Tra le scelte pessime per Revolution, e queste qui, non so davvero cosa pensare. Partiamo con HENRY, ovvero Dave Annabele. Era già poco credibile e sicuramente spaccacoglioni in Brother's and Sisters, perchè ce lo dobbiamo ritrovare qui? Inoltre gli hanno costruito un personaggio ritardato, che vede tutto rose e fiori e non si accorge di quello che si trova davanti. Poi gli dicono che c'è stato un megaincidente in ascensore, e lui, essendo il responsabile del condominio (o che razza di lavoro fanno sti due lì dentro ancora non l'ho capito. Riparano lampadine e lavatrici?), si interessa meno di niente.
Lei, JANE, ossia Rachael Taylor che sì, tra cinema e tv ha lavorato ma io non mi sono mai accorta di lei. Altro personaggio che mi fa venire voglia di mangiarmi le mani per quanto stereotipato, trito e riscaldato. Architetto che vuole a tutti costi mettere le mani sul progetto di ristrutturazione del Drake e guarda caso ci riesce. Si mette nei casini come un'idiota e se dovesse morire se la meriterebbe tutta quanta.

-LA SOLITA MINESTRA. Premetto, che sì, qualcosa promette, ma ha perso un sacco nell'ultimo quarto d'ora. Io questa storia l'ho già vista. A parte le pessime riprese di American Horror Story, tutte le inquadrature della casa e gli avvertimenti di gente viva o morta ad andarsene, ha proprio troppo di già visto. Lui, che nella coppia è proprio un cretino patentato, buono solo a farsi lei contro il muro, ma per le cose importanti non capisce una sega. Lei, che vede cose/spiriti/scritte/baggianate, passa per pazza perchè lui non le crede, e nei prossimi episodi chissà, darà la colpa alla casa. Non vi suona? Non avete visto, ripeto American Horror Story? O Insidous? E ce ne sono anche altri, ma tanto, per star qui a fare elenchi facciamo notte. Chissà, forse poi lei sarà inutile e tutto dipenderà da lui, che in un momento di epifania (probabilmente quando tutti quelli che conosce saranno morti) si renderà conto di cosa sta succedendo. Non voglio sia così prevedibile, mi aspetto molto ma molto di più.

Meh, spero si svegli un po' fuori. Almeno come pilot dovrebbe invogliarti a seguirlo di più, ma come per Revolution, c'è tanta curiosità ma poca voglia di vederlo.

0 commenti:

Posta un commento

Di cosa parlo?

Mi segui per mail?

You don't speak italian?

Ads 468x60px

Letture 2013

  • Cloud Atlas7 gennaio-20 febbraio
  • Popular Posts

    Followers

    Featured Posts

     

    Faith Trust and Pixiedust Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos