giovedì 30 settembre 2010

Digan lo que digan los demas

Pubblicato da Karen Broz a 14:10
«Lazier and lazier»

Queste giornate stanno passando sempre più rapidamente. Non sto facendo nulla. Dalla mattina alla sera. Nulla. Sono qui quasi da tre settimane e non ho concluso nullla. Ok che erano vacanze. Però boh. Non mi piace oziare.

In ogni caso qui ho qualche bella novità.

1) Ho ricominciato a scrivere. Ok, forse non molto. Ho in mente delle scene da raccontare, non vere e proprie storie. Ma sono contentissima di questo. Mi sento molto meglio dopo aver scritto qualche riga. Anche così. Senza senso.

2) Cambio già camera! La mia coinquilina se ne torna al suo paesino per studiare, e io oggi ho traslocato nella sua stanza gigante (in confronto alla mia). Dopo farò un video e potrete vedere quanto bella è. Però la devo ancora sistemare..

3) Mi sono innamorata di un cantante spagnolo ormai vecio morente che si chiama RAPHAEL. In estreno ieri c'era su Antena 3 la miniserie biografica su Raphael. Yme encanta tìo. 
Digan lo que digan los demas.

4) Domani alle 10 comincio l'accademia. Sono super agitata, ma non vedo l'ora di conoscere un po' di gente. Sempre se non mi rinchiudo in me stessa come sempre. La solita imbecille.

5) Si cambia. La vecchia Karen con tutti i suoi difetti e stronzate è ormai il passato. Ora è in arrivo il nuovo modello. Karen 2.0 =)

1 commenti:

Dalila on 1 ottobre 2010 15:30 ha detto...

Complimenti cara! il tuo blog me gusta mucho!! uniche paroline che entiendo di spagnolo^^
sono felice per te e sono curiosa di sapere cosa la tua immaginazione ti sta dicendo di scrivere!!! ricordo di avere un tuo capitolo nella posta che mi era piaciuto molto!
Saperti lontana a tiro d'aereo mi fa capire che avrei voluto trascorrere più tempo con te, baci al prox commento!

Posta un commento

Di cosa parlo?

Mi segui per mail?

You don't speak italian?

Ads 468x60px

Letture 2013

  • Cloud Atlas7 gennaio-20 febbraio
  • Popular Posts

    Followers

    Featured Posts

     

    Faith Trust and Pixiedust Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos